Featured Posts

I Fiori Del Male n° 62

November 19, 2015

 

mercoledì 2 dicembre 2015, ore 17,00

Carla Mazzoni

Vi invita ai

 

Preferiti

Centro Mostre e Studi sull'Arte Contemporanea 

via G.Mompiani, 1A   ROMA 

...

1/9
Please reload

Recent Posts

October 31, 2019

October 31, 2019

June 17, 2019

May 17, 2019

Please reload

Search By Tags
Please reload

Poesis Apud Tiberim

March 9, 2016

 

giovedì 3 marzo, ore 18,30

Preferiti

Centro Mostre e Studi sull'Arte Contemporanea 

via G.Mompiani, 1A   ROMA 

 

Vernissage mostra

Poesis Apud Tiberim

a cura di Carla Mazzoni

 

 

Opere di:

Dario Falasca

 

“Sono innamorato dell’acquerello, in ogni forma e colore ed amo giocare con l’acqua, nell’attesa che la macchia mi renda felice”. 

 

Roma tra riflessi e riflessioni

Dall'intervista di Ida Mitrano
 

l’incontro con Dario Falasca è avvenuto ben prima di oggi. Dario è una persona attenta, discreta, presente. osserva il mondo, ascolta, si confronta. crede nell’arte e nella sua capacità di generare vita. Dario si muove fuori dalle tendenze contemporanee ma crede nella sinergia delle arti. Da un lato è un acquerellista, anche se ha iniziato a sperimentare altre tecniche come il pastello e l’olio, e un paesaggista della “realtà riflessa”; dall’altro ricerca la poesia nella fusione dei linguaggi, dove l’immagine si fa pittura, i vissuti parole, le emozioni movimento corporeo, il tutto in una visione dinamica della realtà tra arte, danza, teatro, video. Da un lato Dario si esprime con la pittura fino in fondo nell’assoluta presenza del colore e del segno; dall’altro dialoga con altre forme d’arte. Nel suo vedere la realtà riflessa, nel suo essere attratto non da ciò che vede ma da ciò che si rivela allo sguardo dell’altrove, quell’immagine altrettanto vera della realtà ma nella sua continua mutevolezza, precaria, fragile e ancora più misteriosa, inafferrabile, rarefatta, immagine che appare e scompare nel suo labile esistere, nel suo farsi e disfarsi, sembra voler trovare un’eco nel diversificarsi creativo del tema per continuare a essere. D’altra parte, il furore, il gesto frenetico di Dario nel realizzare l’opera sono proprio il segno di un’immediatezza che sola può cogliere la visione nell’attimo del suo manifestarsi, altrimenti persa. il riflesso apre così al disvelarsi della vita nel momento presente tacitando il tumulto del quotidiano e creando altro ascolto. e’ allora che la vitalità dello sguardo nell’afferrare i riflessi della città restituisce luoghi sentiti interiormente prima ancora che visti. e quando l’agire d’istinto, che Dario vive come agito pittorico, tradisce fino in fondo la traccia disegnata e abbandona ogni attenzione estetica lasciando spazio sulla carta o sulla tela a segni casuali, a una pittura sporca, lo sguardo davvero affonda e non si sottrae all’impatto diretto con verità delle cose. ed è là che si percepisce quanto la ricerca della luce nasca in lui dall’ombra. un incontro obbligato, forse non sempre affrontato. e forse, è anche per questo che il suo dipingere è rapido, veloce, quasi un atto liberatorio. ma è là che Dario ritrova in sé la potenza della vita tra realtà e immaginazione e, nell’opera, il disfacimento del reale diviene possibile.

 

Piccioni e Farfalle Fanno la rivoluzione

amore alla bastiglia
Performance teatrale

 

regista:  Riccardo Merlini

aiuto regista:  Carlotta Sfolgori

poeti:  Stefania Lubrani, Serena

Maffia, Angelo Sagnelli

attori:  Antonello Arazzone, Carlo

Colella, Fabrizio Loreti, Antonella Petrone, Carlotta Sfolgori

costumi:  Roberta Blarasin


il piccione guardando antonin gli disse: “eravamo morti di fame perché ci avevano tolto il pane. abbiamo iniziato a beccare qua e là, ad arrangiarci con lo spazzatura. eravamo considerati bestie e non più angeli, perché neri. abbiamo continuato a volare. ci volevano mettere in gabbia, siamo rimasti in città. abbiamo occhi ingialliti dalle lacrime e zampe rosse che raccolgono il nostro sangue. Pieni di cicatrici, coperti di piume e di tanta polvere. caghiamo addosso ai passanti per essere guardati. siamo maledetti. siamo tanti. antonin, mettici insieme. Dacci entusiasmo, rendici reali”. antonin prese il megafono ed iniziò a cantare la loro rivoluzione.

Maurizio Mequio

 

 

DRINK

​INGRESSO LIBERO - info +39 347 3735109

 

   

 

      

 

Please reload

Greetings Earthlings!

I’m FlyDragon33, and this is my blog.

Follow me
  • Facebook Globe
  • Twitter Globe
  • Google+ Globe
  • YouTube Globe

Questo blog utilizza i cookie per FORNIRE migliori servizi, interagendo con esso  si accetta il loro utilizzo.

  • Facebook Globe
  • Twitter Globe
  • Google+ Globe
  • YouTube Globe

 GAME OVER

© 2023 by KICK+PUNCH. Proudly created with Wix.com